Mancato adeguamento dei sistemi di sicurezza: anche a settembre treni di FER sostituiti con autobus. Quale futuro per un trasporto ferroviario senza treni?

Pubblichiamo un comunicato del CRUFER del 9 settembre scorso. Purtroppo riguarda anche disagi relativi alla nostra linea, la Vignola-Bologna. Si tratta della soppressione di tutti i treni da Bazzano a Bologna (10 corse al giorno!), attuata dall’inizio di luglio fino a ieri 17 settembre. Ma comunicata da FER settimana per settimana!!

Attraverso comunicazioni frammentarie e intempestive il CRUFER apprende della soppressione di treni FER sostituiti anche per il mese di settembre con autobus sulla Bologna-Vignola, Modena-Mantova e Parma-Fornovo. Sostituzioni che FER giustifica con i “ritardi nell’istallazione di sistemi di sicurezza obbligatori”, oggetto di precedenti disposizioni dell’Agenzia Nazionale per la Sicurezza sulle Ferrovie ed evidentemente andate disattese.

Il 2010 annus horribilis della ferrovia Bologna-Vignola. Lo conferma il report della Regione!

Annualmente la giunta regionale trasmette all’assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna un report sulla mobilità (vedi). Un capitolo del report è dedicato al servizio ferroviario regionale. Una parte del capitolo riporta i dati sulla “qualità” ed “affidabilità” del servizio. Cosa ci dicono questi dati? Che l’anno 2010 è stato un anno pessimo per la linea Bologna-Vignola, anche peggiore del già tribolatissimo 2009 (vedi)! Un vero e proprio annus horribilis!! Innanzitutto dal punto di vista dell’affidabilità. Quasi 700 treni soppressi nel 2010, ovvero circa 2 al giorno! Anche nel 2010 (come nel 2009) la linea Bologna-Vignola è in testa alla triste classifica delle linee regionali in base al numero dei treni soppressi. Tallonata dalla linea Bologna-Portomaggiore. Solo che sulla linea Bologna-Portomaggiore la maggior parte delle corse soppresse era per “lavori programmati” sulla linea, dunque con la prospettiva di un concretissimo superamento. Sulla Bologna-Vignola invece no. Tantissimi treni soppressi per “mancanza di personale” [sic!], per “guasto al materiale [leggi treni]”, per “altra causa”. Mentre le cause “sciopero” o “lavori programmati” sono irrilevanti. Un vero disastro. Un disastro su cui neppure il rapporto regionale può tacere, anche se questo bollettino di guerra (due treni al giorno soppressi significa che, ogni giorno, 100-200 passeggeri si sono dovuti arrangiare diversamente) viene presentato con parole suadenti, quasi rassicuranti: “Analizzando le singole direttrici emerge la situazione di criticità che hanno riguardato in particolare le linee Bologna-Vignola.” (p.176; neppure la grammatica è rispettata!). Si tratta del 21,7% di tutti i treni soppressi nel 2010 sulla Rete Regionale (3.220 treni soppressi nel 2010). La nostra linea ferroviaria “contribuisce” dunque per più di un quinto di tutte le soppressioni!

Audit civico! Gli utenti si mobilitano per il controllo di qualità del servizio della ferrovia Bologna-Vignola

Gli utenti passano all’azione e mettono in campo la prima esperienza regionale di controllo della qualità del servizio ferroviario “dal lato dei cittadini”. Venerdì 22 e sabato 23 luglio una squadra di utenti della ferrovia Vignola-Bologna, aderenti all’associazione “In prima classe per Bologna-Vignola”, sarà impegnata nel controllo della qualità del servizio ferroviario, con particolare riferimento…

Locandine del servizio "Chiamatreno": di nuovo un errore!

Il 3 maggio abbiamo pubblicato un post che segnalava un errore nei manifesti, affissi a stazioni e fermate della linea, relativi al servizio Chiamatreno (vedi). Era stata invertita la sequenza delle stazioni successive a Vignola: Vignola – Bazzano – Savignano Mulino – Savignano comune, anziché Vignola – Savignano comune – Savignano Mulino – Bazzano. Avevamo scelto un titolo volutamente provocatorio, visto che un errore del genere è decisamente imperdonabile. Anzi, l’errore fu allora duplice. Una prima volta perché, evidentemente, nessuno aveva controllato la locandina prima di dare l’ok alla stampa alla tipografia. Ma anche una seconda volta, quando i manifesti erano stati affissi alle stazioni senza che nessuno li controllasse! Il responsabile delle relazioni esterne di FER Srl non aveva gradito e si era lamentato con il presidente dell’associazione. Anche se il duplice errore era sotto gli occhi di tutti. FER, dunque, ha provveduto alla loro sostituzione. Ma cosa succede? Non hanno sbagliato le locandine una seconda volta? Ebbene sì! Roba da manuale degli orrori organizzativi! Un secondo manifesto sul servizio Chiamatreno di nuovo sbagliato! Roba da non credere, eppure la macchina fotografica ha immortalato la nuova impresa! E’ la FER bellezza! – si potrebbe commentare. Di nuovo un duplice errore: nessuno che controlla prima di dare l’OK si stampi e nessuno che controlla prima di affiggere i nuovi manifesti anch’essi sbagliati! Dunque nei giorni scorsi sono apparsi i nuovi manifesti sul servizio Chiamatreno. Anche questa seconda volta la sequenza delle stazioni è sbagliata! Anche qui stazioni invertite: Vignola – Savignano Mulino – Savignano comune, anziché la sequenza corretta: Vignola – Savignano comune – Savignano Mulino. Che dire? C’è bisogno di aggiungere parole? No, nessuna. Ma è evidente a tutti che se si sbagliano le cose facili facili … A proposito: chi paga?

Ma li pagano per sbagliare? Errori nel servizio "chiamatreno"

E’ stato attivato il servizio “chiamatreno”. Componendo il numero verde 800.198.637 è finalmente possibile avere “in tempo reale” notizie sui treni in circolazione. Per più di un anno (sic) il servizio, relativamente alla linea Vignola-Bologna, ha avuto carattere sperimentale. Ora sembra essere andato a regime. Almeno questo si deduce dagli avvisi affissi da FER Srl nelle bacheche presso le stazioni ferroviarie. Solo che hanno pasticciato un po’, commettendo qualche errore. Da qui l’esigenza di una lettera firmata dal presidente dell’associazione, Maurizio Quartieri, inviata oggi (martedì 3 maggio) a FER Srl. Ecco il testo.

Sui nuovi treni Pesa ATR220 la FER non mantiene gli impegni presi. Intanto gli utenti della ferrovia Bologna-Vignola viaggiano tra disagi e disservizi quotidiani!

I nuovi treni ATR220 Pesa, attesi dagli utenti in sostituzione dell’inqualificabile materiale rotabile oggi in uso e promessi da FER Srl da mesi, non si sa più che fine abbiano fatto! Dopo la solenne inaugurazione avvenuta lo scorso 12 novembre e la promessa che sarebbero entrati in servizio in coincidenza con l’avvio del nuovo orario 2010/2011, gli utenti hanno continuato e continuano tutt’oggi a viaggiare sugli inaffidabili e sporchi vecchi treni.
Dei PESA si è perduta ogni traccia; nemmeno quello utilizzato per l’inaugurazione (l’unico che poteva già circolare grazie ad una autorizzazione provvisoria) ha svolto regolare servizio dopo l’inaugurazione!

Servizio Ferroviario Regionale: possiamo parlare di qualità?

E’ datato maggio 2010, ma è stato reso pubblico a luglio. Si tratta del documento “Monitoraggio della mobilità e del trasporto 2009” – il rapporto sulla mobilità che la giunta regionale dell’Emilia-Romagna predispone annualmente per l’Assemblea legislativa (qui trovate il file zippato). Un documento voluminoso (438 pagine), dunque impegnativo anche solo da leggere (ma da qualche giorno è disponibile una versione “sintetica” di sole 89 pagine: vedi). Il capitolo 5 è dedicato al “settore ferroviario” (pp.139-225). In questo capitolo sono riportati alcuni dati interessanti sulla qualità del servizio. Conviene dare loro un’occhiata, tanto per rendersi conto se le percezioni degli utenti (di un servizio di assai scarsa qualità) e le lamentele dei comitati (che anno dopo anno non diminuiscono) trovano giustificazione.